Filtro brevettato HeMaCa
Sostanze invisibili ai nostri occhi come virus, batteri, allergeni, metalli pesanti e agenti chimici entrano nell’organismo ad ogni respiro e si accumulano nel tempo, provocando disturbi nel lungo periodo a livello delle vie respiratorie, cardiovascolare e del sistema nervoso.
Il filtro brevettato HeMaCa è nato per risolvere problemi di salute, la sua composizione brevettata unisce l’efficacia di 3 strati di filtraggio in un unico elemento, intrappolando polveri sottili fino alla dimensioni più piccole (0,2 µm), ed è l’unico in grado di trattenere particelle metalliche cariche elettrostaticamente.
Hepa H13
Lo strato filtrante HEPA di grado H13 altamente efficace per rimuovere il 99,97% di particelle di dimensioni fino allo 0,3 μm e cattura allergeni microscopici, particelle fini, polline, virus, batteri e microbi. Dai diversi test eseguiti sul filtro è stata attestata la capacità di impedire la contaminazione microbica.
Secondo gli standard EN1822
Strato magnetico
Grazie a questo strato intermedio, il filtro raggiunge performance di abbattimento degli agenti inquinanti fino al 50% in più rispetto ai normali filtri in commercio. Grazie alla tecnologia HeMaCa, infatti, il filtro è in grado di trattenere le polveri sottili di metalli pesanti, radicali liberi e particelle ionizzate e cariche elettrostaticamente. Questo permette di trattenere le più piccole fino alla dimensione di 0,2 μm, ovvero quelle più pericolose e difficili da intrappolare. Sfruttando la loro composizione chimico/fisica, vengono trattenute dal filtro a prescindere dalla loro dimensione.
Carboni attivi
Lo strato di carboni attivi permettono di trattenere le sostanze organiche volatili (VOC), come i gas, i vapori di formaldeide, il benzene, il biossido di azoto e gli odori.
I carboni vengono prodotti da estrusione di origine minerale attivato fisicamente, per impedire la proliferazione di batteri, vengono sottoposti ad un trattamento antimicrobico localizzato che lo rende immune nel tempo.
Test e Istituti di Ricerca
Negli anni il filtro ha subito una complessa attività di ricerca e sviluppo ed è stato testato da diversi laboratori che ne hanno confermato la sorprendente efficacia. Tutto questo a testimonianza dell’importanza e della costante dedizione che mettiamo nel trovare le soluzioni migliori per salvaguardare il bene più prezioso: la nostra salute.

Lettera protocollata del Ministero della Salute

Istituto superiore per la prevenzione e sicurezza sul lavoro

Istituto di ricerca gruppo CSA

Politecnico di Torino

Dipartimento di medicina molecolare dell’Università di Siena

Tra il 2004 e il 2019 sono state condotte 5 campagne di test indipendenti su diverse iterazioni del filtro che hanno visto coinvolti laboratori privati e pubblici come il Politecnico di Torino, il CSA, l’ISPESL e l’Università di Siena. Le analisi hanno evidenziato la capacità del filtro di trattenere particelle e polveri sottili con dimensioni sino allo 0.2 µm, la capacità di ridurre le concentrazioni di Sostanze Organiche Volatili, Aldeidi e Ozono, con valori di abbattimento tra il 17% e il 100% a seconda del composto, il tutto senza comportare perdite di carico (e.g. aumento del consumo energetico) se paragonato ad altri filtri commerciali.