Purificatore d'aria serve davvero? Strumento per capirne l'efficacia

Purificatore d’aria serve davvero? Efficacia su Covid e Pandemia

Covid-19 e Pandemia, se li conosci sai come affrontarli e ti proteggi meglio: il purificatore d’aria serve davvero

Oggi sappiamo bene che la trasmissibilità dei virus come quello del Covid-19 è molto più frequente al chiuso. In ambienti indoor dove l’aria è limitata da 4 pareti e il ricircolo è limitato all’apertura delle finestre una tantum, la possibilità di contrarre malattie impenna.

Il purificatore d'aria serve davvero anche in ufficio

L’aria al chiuso, dove vi respirano tante persone è, un colloide, veicolo di tutte quelle particelle, chiamate Droplet, su cui poggiano virus e batteri.

Come possiamo fare per proteggerci?

Quante volte ti sarà capitato di entrare in una sala d’attesa di un dottore, quante in un ufficio con diverse persone all’interno. Per quanto indossiamo sempre la mascherina provi sempre una sensazione di disagio sapendo di respirare aria già respirata da altre persone

sala d'attesa senza purificatore d'aria

Quando però all’interno della sala d’attesa, dell’ufficio o di un qualsiasi ambiente in cui sei, un troviamo purificatore d’aria nasce una sensazione di sollievo.

Il purificatore d’aria funziona davvero contro il Covid?

Sì, l’uso di un purificatore d’aria con filtro HEPA di grado H13 è vincente per un’alta efficacia al fine di contrastare la trasmissione di virus e batteri.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma «Non usciremo dalla pandemia a breve e dobbiamo arrivare a limitare la circolazione del coronavirus, i vaccini da soli non bastano». 

Come anticipato nel post di Sabato 28 Gennaio, infatti, la VENTILAZIONE, intesa come purificazione dell’aria indoor sta attirando la più alta attenzione degli organi preposti alla risoluzione del problema che affligge l’umanità da più di due anni, il COVID.

Distanziamento, igienizzazione e mascherine non sono “complementi” sufficienti a proteggere dal rischio di contagi.

Molte ricerche hanno effettivamente dimostrato che i purificatori  (quelli dotati di filtri HEPA) sono in grado di migliorare in modo efficace la qualità dell’aria in favore di una maggiore protezione da virus.

Come fanno a migliorare la qualità dell’aria e proteggerci dai virus?

Un purificatore d’aria a filtrazione come il nostro Etere è in grado di trattenere tutte quelle particelle volanti in aria che trasportano virus come il Covid. Questo perché, come approfondito nell’articolo sul filtro hepa, lo strato HEPA H13 del filtro all’interno di Etere trattiene il 99,97% delle particelle fino a dimensioni tali da catturare i droplet che trasportano virus e batteri.

Quindi quando, quanto e perché è importante avere l’aria pulita?

Se ormai abbiamo tutti compreso l’importanza e il valore di utilizzare purificatori dotati di filtro HEPA, chiediamoci ora perché è importante avere aria pulita!

A inizio pandemia le principali istituzioni sanitarie ritenevano che la trasmissione del coronavirus avvenisse attraverso “goccioline” emesse nel tossire o starnutire dalle persone contagiate. Invece, grazie all’approfondimento della conoscenza in materia, si è scoperto che anche le particelle di aerosol emesse quando si parla, si canta o semplicemente si respira rimangono in sospensione in aria per diverse decine di minuti e perfino ore. Queste possono contribuire al contagio, soprattutto nelle stanze poco areate dove tendono a concentrarsi in maggior quantità. 

Un importante lavoro pubblicato sulla rivista Science ha analizzato come si generano, come sono trasportati e come si depositano gli aerosol e ha definito che la trasmissione aerea al chiuso del coronavirus è equiparabile a quella che avviene con la tosse o con lo starnuto in situazioni diverse.

Quindi ribadire che è sempre importante purificare l’aria all’interno degli ambienti in cui si vive è tanto scontato quanto fondamentale.

Purificatore d'aria serve davvero?

Valutazione dell’Efficacia sull’Inquinamento Indoor: Strumento Interattivo

I Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti (CDC), hanno creato e messo a disposizione un comodo strumento di valutazione, sull’inquinamento indoor, al fine di far comprendere a tutti in quale situazione e condizione stiamo vivendo all’interno dei nostri ambienti.

A questo link trovi un facile tool per capire come ridurre il più possibile le particelle inquinanti all’interno dei tuoi ambienti, di lavoro o abitativi.

L’esempio riportato qui sotto è quello di una visita in casa di un ospite per 4 ore.Come tale, possiamo riportare il caso in ufficio con i colleghi o nell’ambiente di una sala d’aspetto dove essendo sempre presenti più persone la situazione si può aggravare ancor di più.

Purificatore aria serve davvero? Immagine senza purificazione dell'aria

Come riportato qui sotto, semplicemente tenendo in funzione un purificatore con filtro HEPA, chiaramente della giusta portata e caratteristiche per le dimensioni dell’ambiente, la riduzione delle particelle inquinanti è immediata e notevole.

Si parla del 97% di purificazione dell’aria in quell’ambiente un’ora dopo la fine della presenza di ospiti.

Sì, il purificatore d'aria serve davvero! Il 97% di una casa purificata dopo 1h

Considerazioni

Ci sono delle considerazioni da fare.

Chiaramente la portata del purificatore d’aria deve essere proporzionata all’ambiente affinché l’effetto sia efficace ed immediato.

Il purificatore d’aria crea un ricircolo nella stanza in continuo ma in ogni caso è sempre consigliato tenerselo vicino, in modo da aver purificata l’aria sempre intorno a noi.

Per questo motivo, tenere in funzione vicino a noi il purificatore d’aria in modo continuativo, è fortemente consigliato perché si ha una protezione senza interruzione di tutto l’ambiente, e tenendo la potenza alle velocità 1 o 2 si ottiene un livello di  consumi di energia elettrica ridotti ed al contempo  silenziosità.

Ti lascio guardare le caratteristiche di Etere nella sua pagina, dove si evidenziano Efficacia, Silenziosità ed il Basso consumo di energia elettrica: caratteristiche preponderanti che lo distinguono da tutti gli altri purificatori d’aria presenti nel mercato.

L’importanza di avere un purificatore d’aria in casa, nei propri ambienti di lavoro e ovunque si condividono spazi con altre persone è diventata predominante.

L’inquinamento indoor è composto non solo da virus e batteri, che ormai oggi giorno sono alla base dei nostri dialoghi, ma siamo circondati costantemente da elementi microscopici ed invisibili che indeboliscono il nostro corpo e la nostra mente senza che ce ne accorgiamo. Per questo motivo utilizzare un purificatore d’aria accanto a noi risulta un’azione sempre più consigliata. 
Non solo in questo particolare periodo storico, ma anche quando la minaccia del Covid sarà finalmente svanita, purificare l’aria potrà essere il migliore supporto e contributo per vivere in ambienti salubri e sicuri, prendendoci cura della nostra salute attraverso la prevenzione.

Lo staff di Filair ti fornirà assistenza anche nello studio ad hoc del tuo ambiente e delle tue necessità.

Contattaci per ricevere una consulenza gratuita immediata. Risponderemo a tutti i tuoi dubbi!

Lascia un commento

Invia Commento

Gloria
1
Come posso aiutarti?
FilAir
Ciao! Come posso aiutarti?