Un Ufficio green per lavorare meglio e inquinare meno

Si parla sempre più spesso di sostenibilità, rispetto ambientale, risparmio energetico.
E anche quando si tratta di lavoro in ufficio bisognerebbe tenere a mente queste parole.
Rendere l’ufficio un ambiente green è un modo per stare meglio e lavorare in maniera più serena e produttiva.
Per tante aziende avere un ufficio sostenibile non è più una scelta facoltativa ma un obiettivo necessario da raggiungere. La sostenibilità si può adottare in varie forme ed ognuno, nel proprio piccolo, può fare la differenza. 

Sommario

Cosa può fare l’azienda per garantire un ufficio green?

Un ufficio green per definirsi tale deve puntare al risparmio energetico, innanzitutto tramite un’ottimizzazione costruttiva o un’implementazione di nuove tecnologie a basso impatto.
È compito dell’azienda di ammodernarsi per salvaguardare l’energia, evitare le dispersioni ma anche scegliere arredi ecologici.

ufficio green
  • Isolamento termico.
    Innanzitutto è fondamentale avere un buon isolamento termico dell’edificio: questo è possibile in fase di costruzione ma anche, parzialmente, in fase di ristrutturazione, con l’impiego di materiali e pannelli in grado di minimizzare le dispersioni di calore tra l’ambiente interno e quello esterno. Anche infissi e serramenti di alta qualità aiutano a mantenere un buon isolamento.
  • Risparmio energetico.
    Spesso l’illuminazione passa in secondo piano ma in realtà i costi legati a questo aspetto per un’azienda non sono da sottovalutare. La soluzione migliore per avere un ufficio green sarebbe sempre quella di sfruttare la luce naturale, magari con finestre di grandi dimensioni. Ove questo non sia possibile predisporre un’illuminazione a basso consumo, con l’utilizzo di lampadine LED o energy saver.
  • Arredi ecologici o in materiale riciclato.
    Il legno è il materiale naturale per eccellenza, attenzione che sia di buona qualità e soprattutto in legno al 100%. Bisognerebbe evitare armadi in plastica oppure in legno rivestito da laminati in resina. Usare materiali di recupero è una scelta vincente anche per il loro prezzo vantaggioso, ad esempio plastica riciclata, sughero, tessuti naturali o PVC. Importante sottolineare che, grazie ai materiali di recupero o arredi naturali, diminuiranno anche le particelle nocive rilasciate nell’aria e di conseguenza l’ambiente di lavoro diventerà più salutare.
  • Coworking.
    Condividere gli spazi, in maniera organizzata ed intelligente, consente di massimizzare la resa degli strumenti a disposizione, ad esempio utilizzando un’unica stampante o scrivanie condivise, ma soprattutto un solo impianto di riscaldamento ed un’unica illuminazione.
coworking

Cosa possono fare i lavoratori?

Chiaramente è l’azienda che regola la vita all’interno dell’ufficio, ma tutti possono contribuire a rendere l’ambiente più green.

  • Usare carta riciclata e riciclabile.
    Precisiamo che sarebbe importante stampare solo se strettamente necessario, ma quando non se ne può fare a meno, usare carta riciclata è di fondamentale importanza.
    Inoltre, cercare di recuperare sempre i fogli già utilizzati da un lato ed usare il lato pulito, ad esempio, può far risparmiare molta carta. Anche i biglietti da visita possono essere stampati su carta riciclata!
  • Fare la raccolta differenziata.
    Oramai siamo abbastanza abituati a farla in casa, perché non adottare le nostre abitudini anche in ufficio?
    Inoltre, vedere con i nostri occhi quanti rifiuti accumuliamo, aiuta a renderci consapevoli e a sprecare meno.
  • Riciclare e riutilizzare.
    Come prima regola bisognerebbe di ridurre l’uso di plastica, ad esempio, portando una borraccia o una tazza da casa.
    Anche per quanto riguarda il pranzo, portarlo da casa in contenitori riutilizzabili, evita di utilizzare materiali usa e getta e produrre inutili rifiuti:se è proprio inevitabile esistono anche bellissime confezioni usa e getta in materiali riciclati e riciclabili.
    Riciclare, in maniera creativa, oggetti, contenitori o altro che abbiamo in ufficio, può anche essere molto divertente.
  • Portare una pianta in ufficio.
    Un ufficio green nel vero senso della parola! Avere piante in ufficio è un’ottima idea per depurare l’aria in modo naturale ed essere più produttivi: questo è dovuto al fatto che le piante producono ossigeno e consumano anidride carbonica, purificando di conseguenza l’aria. Inoltre molte tipologie di piante possono eliminare le sostanze chimiche che i vostri mobili e vernici emettono nello spazio dell’ufficio, come abbiamo approfondito in questo articolo sul blog.
    Nel caso una pianta non bastasse per purificare l’aria in ufficio, è possibile adottare soluzioni più tecnologiche sempre green oriented come un purificatore d’aria che consuma pochissimo e garantisce il benessere delle persone.
piante in ufficio
  • Mobilità sostenibile.
    L’ideale, per chi ne ha la possibilità, sarebbe quella di usare la bicicletta, andare a piedi o con mezzi a zero emissioni (monopattini elettrici, ad esempio). Anche i mezzi pubblici sono una buona alternativa, oppure organizzare gli spostamenti in “macchinate” comuni con altri colleghi.
  • Spegnere i dispositivi.
    Una modalità di risparmio energetico che spesso dimentichiamo: eppure basterebbe che tutti a fine giornata spegnessero il computer e tutti i dispositivi che hanno utilizzato per risparmiare parecchia energia, oltre ad essere un gesto liberatorio.

Soluzioni innovative e tendenze del futuro green

Oltre ai semplici consigli che vi abbiamo dato per poter lavorare in maniera salutare e produttiva in un ambiente sostenibile, esistono nel campo della tecnologia green sempre più soluzioni innovative.
Ecco le più interessanti che ci fanno immaginare quali saranno le tendenze del futuro:

  • Tetti intelligenti.
    In un ufficio di nuova generazione l’efficienza energetica inizia dal tetto, che, ad esempio, può essere ricoperto di piante e vegetazione. Questa soluzione permette un notevole assorbimento del calore solare oltre a tamponare l’acqua in eccesso in caso di forti piogge, che innaffiano direttamente anche le piante.
  • Finestre smart.
    Iniziano ad essere utilizzati parecchio i vetri commutabili, cioè che possono diventare opachi o trasparenti a seconda delle necessità, senza apportare modifiche alla luminosità della stanza. Sono utili per regolare il minor o maggior calore da fornire alla stanza, influendo parecchio sulla spesa per il riscaldamento dell’ambiente.
    Con questi vetri è possibile realizzare anche i tetti, per avere spazi sempre più luminosi in modo naturale.
  • Giardini interni.
    Oltre alla struttura esterna del tetto, si stanno vedendo sempre più giardini verticali interni allo spazio di lavoro. Queste pareti verdi garantiscono una regolazione termica, filtrano e depurano l’aria, assorbono le onde sonore oltre ai risaputi benefici psicologici.
Il giardino verticale realizzato dall'azienda Sundar Italia presso il Diesel Village di Breganze, Vicenza.
Vediamo nella foto qui sopra, uno splendido esempio del giardino verticale realizzato dall’azienda Sundar Italia presso il Diesel Village di Breganze, Vicenza.

Conclusione

Come abbiamo visto ci sono tanti modi per rendere anche la nostra vita in ufficio sostenibile. Come singoli e come comunità possiamo fare tanto per rispettare il nostro bene più prezioso, l’ambiente, e allo stesso tempo, vivere una quotidianità lavorativa sana e produttiva.

Ti serve qualche informazione?

Post Correlati

Lascia un commento